Abbiamo deciso, come iniziativa individuale di molti medici Ampas, nonché come associazione, di inviare alla federazione nazionale dell’ordine dei medici e degli odontoiatri FNOMCeO questa lettera semplice e chiara, per allertare l’ordine sull’ingerenza sempre più pervasiva di interferenze commerciali nella nostra delicata professione.
Chi deve fare qualcosa? Perché dobbiamo essere sempre solo noi a rompere le scatole? Non è chiaro a tutti che se sarà Sanofi o qualunque altra azienda farmaceutica a formare i medici di base, la nostra pratica medica ne sarà offesa e svilita? Ci auguriamo una pronta risposta, a cui daremo senza alcun dubbio, quale che sia, la massima visibilità mediatica.