Medico specializzato in Ginecologia e Ostetricia.
Direttore del reparto di ginecologia e ostetricia della Casa di Cura Villa Elena.

Per la tua privacy Google Maps necessita di una tua approvazione prima di essere caricato. Per maggiori informazioni consulta la nostra Privacy Policy.
Ho letto la Privacy Policy ed accetto

Casa di Cura Villa Elena – Via Dante, 133, Cagliari CA – 09128
EmailEmail
Telefono: 3474054332

Seguono il curriculum e la presentazione del Dott. Nicola Pirastu.

Presentazione

Laureato in Medicina e Chirurgia Università di Cagliari 1988 col massimo dei voti, specialista in Ostetricia e Ginecologia 1992 Master in Ipnosi e Psicoterapia, Psicoterapeuta (SMIPI Bologna). Direttore del reparto di ginecologia e ostetricia della Casa di Cura Villa Elena dove svolge la sua attività chirurgica ed assistenziale.

Ha pubblicato lavori su trattamenti di patologie ginecologiche e no con ipnosi (condilomatosi, metrorragie da fibromi uterini o disfunzionali)
Organizza corsi accreditati ECM per medici, odontodiatri, psicologi, infermieri, ostetriche, ass. di poltrona.
Organizza corsi di preparazione al parto con ipnosi.
Appassionato sportivo, con alle spalle una famiglia dedicata allo sport sopratutto boxe e Basket (padre e 6 fratelli tutti sportivi!) in onore a questo Palazzetto dello sport di Cagliari è loro intitolato si chiama Palapirastu.
Inizia attività sportiva di Basket dall’età di 7 anni, dopo essere arrivato in giovane età a livelli nazionali B2 di Basket, tutt’ora pratica corsa, nuoto, bici e Basket.
Segue come Medico e Mental Coaching la squadra di Basket femminile di B2 dello Spirito Sportivo Cagliari.
Nell’obbiettivo di far diminuire il grado di infiammazione ridurre il grasso corporeo e migliorare l’aspetto psicologico (veri responsabili della maggior parte delle malattie croniche ed autoimmuni) utilizza l’ipnosi ed il movimento fisico trova naturale sbocco nell’applicazione della DietaGIFT per le sue applicazioni alla salute al benessere fisico, psicologico, emotivo ed estetico dei/delle proprie pazienti e per cercare di ridurre al minimo l’utilizzo di farmaci e mobilitare le risorse interiori. Secondo delle scelte scientificamente inoppugnabili.